Nuovi Articoli

Cos’è la manipolazione e come si riconosce?

“Ragionare e convincere, com’è difficile, complicato e laborioso! Suggestionare? com’è facile, veloce ed economico!”
(Santiago Ramón y Cajal)

C’é una grande differenza tra la manipolazione psicologica o emotiva e la semplice influenza. Possiamo influenzare le scelte e le preferenze altrui e senza minacciare la loro salute o il loro benessere psico-fisico.
In caso di manipolazione psicologica, però, l’obiettivo del manipolatore è quello di creare uno squilibrio di potere al fine di sfruttare le debolezze degli altri per servire i propri interessi. Le radici della manipolazione emotiva sono abbastanza complesse. In generale, le ragioni per cui un individuo può scegliere un comportamento manipolativo includono:

• guadagno personale,
• desiderio di potere e superiorità,
• desiderio di controllo,
• problemi di autostima,
• noia.

Il ciclo della manipolazione comprende tipicamente tre fasi:


• il manipolatore scopre una debolezza della sua vittima;
• il manipolatore sfrutta questa debolezza;
• il ciclo si ripete.

Molte vittime hanno uno o più dei tratti di seguito riportati:
• il desiderio malsano di piacere,
• amano la dipendenza (paura di essere single),
• mancanza di assertività,
• paura del confronto,
• bassa autostima,
• solitudine,
• identità poco definita,
• bassa fiducia in se stessi,
• locus of control esterno,
• ingenuità,
• dipendenza emotiva,
• immaturità.

Questi tratti del carattere spesso fungono brecce che il manipolatore usa a suo vantaggio. Questo non significa che la vittima è colpevole di abuso. Significa solo che il manipolatore punta come prede più spesso questo tipo di persone. Inutile dire che le vittime di manipolazione emotiva sono spesso giovani o in una situazione in cui sono mentalmente esauste e non sono in grado di reagire.

Ecco alcune delle bandiere rosse più comuni di manipolazione psicologica:

• le tue parole sono usate contro di te;
• il manipolatore si pone come soccorritore, ma il suo aiuto lascia una sensazione negativa;
• provi costantemente sensi in colpa;
• se non si da loro quello che vogliono, ritireranno il loro amore e affetto;
• non sei soddisfatto di questo rapporto, ma hai paura di perderlo;
• percepite il vostro rapporto come molto complesso;
• sentite che non soddisfate le loro aspettative;
• vi sentite come se stessi camminando sulle uova; sta cercando di isolarvi.
Se sospetti di essere manipolato, è necessario diventare forti e sicuri di sé, evitare l’isolamento e coltivare relazioni con altre persone per mantenere una visione sana di sé e delle relazioni sociali. Una relazione sentimentale con un manipolatore può essere particolarmente dannosa e deve essere evitata.

Psicologa Padova - Francesca GalvaniCos’è la manipolazione e come si riconosce?

2 comments

Join the conversation
  • Alessandra - 9 Dicembre 2018 reply

    in un rapporto di amicizia frasi come “se sei davvero mia amica come dici, fai così”, “se mi vuoi bene, fai così/torna la persona che mi piace tanto”, “mi stai deludendo,pensavo mi volessi più bene di così”, “io non ho mai detto di esser perfetta, però”, “pensa come vuoi, visto che non mi credi” e dopo che tu rispondi “posso anche crederti ma vedo i fatti, che non sono molto diversi da come ho scritto”, sentir dire “non meriti altre risposte”… e simili come possono essere considerati? La ringrazio.

    Preciso che questo avveniva pressoché sempre quando cercavo di dire qualcosa che non mi andava, mentre l’altra persona diceva sempre cosa non le andava di me e asseriva di voler io facessi altrettanto.
    Cordiali saluti,
    Alessandra

    Psicologa Padova - Francesca Galvani - 10 Dicembre 2018 reply

    Certo, può trattarsi di manipolazione ma non è detto che l’altra persona si renda conto di farlo. Se vuole mi può scrivere via mail privatamente!

Rispondi a Alessandra Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *